Cantiere Sapere

Oggetti, Forme e Misure

Il progetto di ricerca-azione Oggetti, forme e misure” intende affrontare il linguaggio e il ragionamento matematico considerati come strumenti per l’interpretazione del reale e per la costruzione di concetti, modelli, modalità di pensiero. Mira al miglioramento della qualità e dell’efficacia dei percorsi di insegnamento/apprendimento:

  • identificando e sviluppando un metodo di insegnamento nel campo della matematica con un particolare focus sulla geometria;
  • ripensando l’ambiente di apprendimento per supportare lo sviluppo delle competenze di base e trasversali degli alunni (alfabetizzazione informatica, apprendere ad apprendere, competenze sociali e digitali, maturazione del pensiero analogico-spaziale);
  • incrementando la qualità dell’insegnamento e della formazione degli insegnanti;
  • supportando le scuole nella costruzione di relazioni di rete e migliorando le competenze degli insegnanti nelle funzioni di animazione, promozione, ricerca didattica all’interno delle proprie comunità professionali

Il progetto, di durata biennale, sarà condotto in collaborazione con il Dipartimento di Matematica dell'Università di Pavia, sede di esperienza nel campo della ricerca e sperimentazione in didattica della matematica per la pratica scolastica.

Salta corsi disponibili

Corsi disponibili

  • La Bachec contiene tutte le indicazioni generali sul progetto di ricerca-azione: calendario, piano di lavoro, presentazione dei formatori, materiali, forum di discussione offtopic del gruppo, ecc. 

  • "Vicino/Lontano"-Progetto di ricerca-azione verticale scuola dell'Infanzia, scuola Primaria, scuola Secondaria di I Grado.

    Il percorso avrà come prodotto la piantina della classe (o del piano della scuola in cui si trova la classe) per controllare che la piantina allegata al Piano di Evacuazione sia corretta.

    Metodologia di ricerca
    Scuola Infanzia
    Esplorazione dell’ambiente scolastico. Giochi motori, imitativi, simbolici, di ruolo. Giochi matematici, ritmici, di misurazione e confronto. Percorsi. Riflessioni sulle esperienze vissute, attraverso le conversazioni guidate in circle time. Attività laboratoriali grafico-pittoriche-manipolative.
    Il bambino parte dalle informazioni che possiede a livello percettivo e la scuola lo invita a poco a poco a compiere il passo successivo, che consiste nella capacità di “astrarre” dall’esperienza immediata e dai fatti percettivi concreti per andare, attraverso forme diverse di generalizzazione, verso la formazione di concetti.
    Scuola Primaria: Problem solving. Conversazioni di classe. Attività laboratoriali (manipolative, grafico-pittoriche, ecc.). Cooperative learning. Attività di verbalizzazione.
    Il laboratorio di matematica è finalizzato alla costruzione dei significati, che è strettamente legata sia all’uso degli strumenti utilizzati durante le attività, sia alle interazioni che si sviluppano tra le persone durante l’esercizio di tali attività.
    Scuola Secondaria I Grado: le attività laboratoriali si svolgeranno in piccoli gruppi (quattro/cinque alunni) in modo da dare a tutti la possibilità di svolgere un'attività pratica. Per questo i gruppi saranno omogenei in modo tale che ognuno potrà esprimere la propria opinione.
    L'insegnante deve coordinare il lavoro: girerà tra i gruppi senza sostituirsi agli studenti, cercherà di guidare il lavoro e di istradare gli studenti in difficoltà, li stimolerà ad osservare in modo attento e puntuale.

  • "Specchio specchio delle mie brame...dalle simmetrie alle isometrie" -Progetto di ricerca-azione verticale scuola dell'Infanzia, scuola Primaria, scuola Secondaria di I Grado.

    Ipotesi di ricerca: Se modifico l'ambiente di apprendimento ed adotto una didattica laboratoriale basata su soluzione di problemi, è possibile generare negli alunni apprendimento significativo e duraturo in un percorso curricolare della durata della scuola dell'obbligo?

    Metodologia di ricerca: Problem solving-apprendimento significativo con strategie del cooperative learning: il percorso si avvarrà delle seguenti fasi:

    Fase 1: ipotetica- raccolta delle conoscenze pregresse
    Fase 2: manipolativa esplorativa libera
    Fase 3: esplorativa guidata: osservazione - caratteristiche distintive
    Fase 4: Rielaborazione in piccolo gruppo/individuale
    Fase 5:. Rielaborazione collettiva (cartelloni di codifica, tabelle, diagrammi, attività di simbolizzazione e modellizzazione …)
    Fase 6: Sviluppo e potenziamento delle abilità linguistiche (capacità di descrizione, argomentazione, uso di un linguaggio scientifico)

  • ...e le rette diventano curve - Percorso di ricerca/azione in verticale Scuola dell'Infanzia-Scuola Primaria-Scuola Secondaria di I Grado.

    Ipotesi di ricerca: l'esplorazione e l'osservazione della realtà permette all'alunno di scoprire, analizzare e confrontare  alcuni dei principali concetti della geometria piana e della geometria sferica, superando situazioni di "apprendimento situato".

    Metodologia di ricerca: attraverso l’osservazione sperimentale di strutture via via più complesse, gli alunni argomentano sulle forme geometriche, cogliendo tratti comuni in situazioni apparentemente diverse, in un processo continuo di previsione – esperimento - confronto e proposizione di nuove esperienze.

  • L'ambiente di apprendimento è ”un contesto idoneo a promuovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli alunni.”

    Indicazioni Nazionali 2012


Salta Calendario

Calendario

Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 Oggi venerdì 24 febbraio 24 25
26 27 28     
Salta Prossimi eventi

Prossimi eventi

Non ci sono eventi prossimi
Salta Utenti online

Utenti online

ultimi 5 minuti: Nessuno
Salta Categorie di corsoSalta LoginSalta Navigazione

Navigazione